Logo

Semi al futuro Action Three!

Premessa

Il cinema arriva tra i banchi di scuola, non più solo come momento di svago, alternativo alle lezioni o come supporto per immagini ad altre materie. Con l’attuazione della legge 107 del 2015 e con il Piano Nazionale Cinema per la Scuola, il linguaggio cinematografico, la storia e l’estetica del cinema, la produzione di documentari, cortometraggi o mediometraggi entrano a pieno titolo nel Piano dell’offerta formativa delle scuole di ogni ordine e grado. L’obiettivo è fornire alle ragazze e ai ragazzi gli strumenti per leggere, decodificare e usare in maniera consapevole le migliaia di immagini con le quali vengono a contatto ogni giorno, consentire l’approfondimento di un linguaggio che ha fortemente caratterizzato e ancora caratterizza il nostro tempo e che dialoga anche con gli strumenti digitali ormai a disposizione di tutti. 
(Sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca 19 aprile 2018)


L’educazione all’immagine è uno degli obiettivi della nuova legge sul Cinema elaborato dal MiBACT, in raccordo con il MIUR, che prevede progetti per l’inserimento dell’apprendimento del linguaggio visivo nelle scuole. Offrire agli studenti gli strumenti per decodificare i messaggi visivi è inoltre fondamentale in un mondo in cui le immagini hanno acquisito un ruolo centrale nella trasmissione delle informazioni. L’iniziativa rientrava nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso dal MiBACT e dal MIUR in attuazione della Legge del 14 novembre 2016, n. 220, “Disciplina del cinema e dell’audiovisivo”.

Il progetto

Semi al Futuro Action Three! è un concorso video, indetto dal Civico Polo Linguistico A. Manzoni di Milano, sui temi dei diritti umani. 

Tutte le scuole italiane e straniere sono invitate a partecipare con un video, della durata di massimo 5 minuti, che abbia come tema la difesa dell’ambiente e la sostenibilità.

Semi al Futuro Action Three! è un luogo d’incontro e di confronto che si propone di dare visibilità ai prodotti audiovisivi realizzati in ambito scolastico, da giovani e giovanissimi registi, che avranno tempo fino al 20 aprile 2019 per inviare i loro video, collegandosi al sito www.lamanzoni.it, dove troveranno tutte le informazioni necessarie per partecipare gratuitamente al concorso, rivolto esclusivamente agli studenti delle scuole superiori.

Scopo del progetto è quello di mettere alla prova i ragazzi nella capacità di immaginare il futuro, contribuendo fattivamente, attraverso la realizzazione di prodotti audiovisivi, ad una rilettura della società perché il cambiamento deve partire proprio dalle scuole. 

Gli studenti saranno i veri protagonisti di questo evento e, per organizzare il festival, sono stati realizzati due laboratori tematici pomeridiani, in collaborazione con Naba (Nuova Accademia di Belle Arti): corso di Grafica (docenti P. Bagolini e L. Bottai) e corso di Documentario (docente F. Martina).

Nel primo i ragazzi hanno lavorato alla comunicazione integrata di “Semi al Futuro Action Three!” mentre, nel secondo, hanno appreso quali le tecniche per la realizzazione di un documentario professionale.
Partner d'eccezione il Centro Orientamento Educativo (COE), da sempre protagonista del Festival del Cinema Africano, dell’Asia e dell’America latina.

 

Ma non è tutto. Per far conoscere le tematiche ambientali sono stati organizzati, durante tutto l’anno scolastico, incontri mirarti con associazioni presenti sul territorio impegnate nella salvaguardia e tutela del pianeta quali Sea Shepherd, Fa la cosa giusta, Altreconomia, Survival e Bosco in città.

I diversi incontri permetteranno ai ragazzi di fare un viaggio per arrivare ad una riflessione sul nostro pianeta: depredato dal prelievo dissennato e iniquo dei suoi beni comuni, sfruttato senza tenere conto che le risorse non sono infinite, inquinato da chi agisce esclusivamente per i propri interessi. Esiste la possibilità e la capacità di pensare ad un futuro possibile per tutti? Per ottenere questo risultato pensiamo sia importante dare voce alle ragazze e ai ragazzi attraverso il linguaggio delle immagini, per capire il loro punto di vista e quali le loro proposte, per essere protagonisti, da ora, di un cambiamento per un futuro migliore. Golden Lotus è il nome scelto dagli studenti per questa nuova edizione, perché il fiore di loto simboleggia equilibrio ed è il simbolo di speranza che, gli stessi ragazzi, nutrono per la rinascita del loro/nostro pianeta.

In palio molti premi che saranno consegnati durante la giornata di premiazione finale che si terrà il 18 maggio 2019

.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.